Regione Lombardia

20 Novembre: Giornata Internazionale sui diritti dell'Infanzia

Pubblicato il 19 novembre 2018 • Bimbi

La data ricorda il giorno in cui l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottò, nel 1989, la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Ad oggi sono oltre 190 i Paesi nel mondo che hanno ratificato la Convenzione.

Sono quattro i principi fondamentali della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza:

a)     Non discriminazione (art. 2): i diritti sanciti dalla Convenzione devono essere garantiti a tutti i minori, senza distinzione di razza, sesso, lingua, religione, opinione del bambino/adolescente o dei genitori.

b)     Superiore interesse (art. 3): in ogni legge, provvedimento, iniziativa pubblica o privata e in ogni situazione problematica, l’interesse del bambino/adolescente deve avere la priorità.

c)     Diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo del bambino (art. 6): gli Stati devono impegnare il massimo delle risorse disponibili per tutelare la vita e il sano sviluppo dei bambini, anche tramite la cooperazione tra Stati.

d)     Ascolto delle opinioni del minore (art. 12): prevede il diritto dei bambini ad essere ascoltati in tutti i processi decisionali che li riguardano, e il corrispondente dovere, per gli adulti, di tenerne in adeguata considerazione le opinioni.

La convenzione in parole semplici.

L’Amministrazione Comunale di Cernusco Lombardone, nel 2012 ha firmato il Manifesto scritto programmatico su cui si fonda il Movimento Internazionale per il rispetto dei Diritti dell’Infanzia, ha aderito al Network “Diritti a Colori”,  e ha partecipato all’undicesima Edizione del “Concorso Internazionale di Disegno” organizzato dalla Fondazione Malagutti onlus di Curtatone (MN), allo scopo di focalizzare l’interesse e l’attenzione sui bambini e i loro diritti. Aderire al network significa condividere con Fondazione Malagutti e gli altri aderenti eventi per bambini, realizzazione di convegni e scambi culturali , tutti indirizzati non solo alla promozione dei diritti del fanciullo, ma anche a un impegno continuo nella educazione e crescita d ogni bambino nella sua quotidianità e nella società odierna. I bambini, futuro del mondo, devono essere difesi e guidati nel loro cammino e Noi, tutti insieme, abbiamo il compito di favorire la loro crescita, formandoli per la società futura e proteggendoli dai pericoli e dalle discriminazioni razziali, religiose e linguistiche ancora radicate nel mondo di oggi.